Review

Third person

7 Apr , 2015  

La terza persona aiuta a mantenere il distacco dai propri personaggi, a non essere travolti da un fiume in piena di emozioni, dolori e passioni. Per Michael, invece, è solo un modo per muovere i fili di una trama così fitta da nascondere l’unica storia che andrebbe raccontata, la sua. Paul Haggis aggiunge grandi nomi per condire il suo gioco di specchi, ma questi sono come sale sulle ferite di un film sbagliato. Che coinvolge, se non altro per la confusione, e che incuriosisce, se non altro per capire dove va a finire.
(Third person, 2015)

, ,